ATTIVITA' DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA E ACUSTICO AMBIENTALE, EDILIZIA ED INDUSTRIAL...

ingrandisci

ATTIVITA' DI PROGETTAZIONE   Progettazione e ristrutturazione d’in...

ingrandisci

ATTIVITA' PER IL CATASTO (AGENZIA TERRITORIO) Richiesti : dati catastali e ubicativ...

ingrandisci

ATTIVITA' DI PERIZIE E VALUTAZIONI   Si predispone  Attestazione di...

ingrandisci

SERVIZI PER AMMINISTRATORI, IMPRESE, AZIENDE, PRIVATI E PROFESSIONISTI   ...

ingrandisci

ATTIVITA' DI CONSULENZE ED ASSISTENZE   Consulenze tecniche in materia e...

ingrandisci

Attività per il Catasto (Agenzia Territorio) - UPI (ex conservatoria)

Per quanto riguarda le ispezioni ipo-catastali, le visure, correzione incongruenze, allineamenti, richiesta di estratti mappa aggiornati, recupero schede catastali, presentazione nuove schede catastali, preallineamento banca dati catastale, presentazione istanze e fogli d'osservazione, il servizio è celere ed immediato grazie all'abilitazione di invio e ricezione telematica su tutto il territorio nazionale.

 Il Tecnico della parte venditrice: figura indispensabile per la buon riuscita dell’affare
 
Capita  spessissimo  che  la  proprietà,  anziché  effettuare  le  verifiche  sopra  descritte,  affidando l’incarico a un tecnico qualificato, si rechi direttamente all’Agenzia Immobiliare o voglia comunque cercare di vendere l’immobile per conto proprio. Questo comportamento, anche se di uso comune, non giova minimamente alle parti che ne sono coinvolte in quanto:  
 
1)  Capita  che  la  proprietà  non  è  a  conoscenza  di  eventuali  prelazioni  sulla  vendita dell’immobile  e  pertanto  rischia  solo  di  perdere  tempo,  o  ancor  peggio  di  dover intraprendere una causa legale con chi ne aveva diritto;
2)  Spesso la parte venditrice non è a conoscenza di quanto detiene in proprietà, specialmente quando si tratta di pertinenze dell’immobile (corti, parti a comune etc.) e di eventuali diritti gravanti sullo stesso (es. diritto di passo sul terreno a favore di altre persone). Ci sono poi casi che possono verificarsi in cui il venditore per vecchi accordi con il vicinato utilizza di fatto  anche  porzione  di  immobile  che  non  è  di  suo  diritto  e  come  tale  non  può  essere ceduta in vendita ( es. rete di recinzione spostata rispetto al reale limite della proprietà);
3)  E’ consuetudine  pensare che l’abusivismo edilizio riguardi solo gli immobili per i quali non è  stata  richiesta  al  Comune  competente  la  relativa  Licenza/  Concessione/  Permesso  di costruire.  Tutto  ciò  è  errato.  Come  già  descritto  nel  paragrafo  precedente,  anche  lo
spostamento  di  una  finestra  esterna  al  fabbricato  o  di  una  porta  interna  allo  stesso,  ne possono  pregiudicare  la  conformità  urbanistica,  e  quindi  la  commerciabilità.  E’ responsabilità del tecnico che redige la relazione al notaio asseverare che non vi siano vizi tali da comportare in futuro la nullità dell’atto ai sensi di legge.
Il  venditore  quindi,  non  effettuando  gli  opportuni  controlli,  pensa  magari  di  risparmiare  il  costo dell’operato  del  tecnico,  ma  in  realtà  non  è  cosciente  che    potrebbe  invece  avere  un  danno    in denaro non indifferente. 
Al fine di chiarire meglio quanto asserito, vi facciamo un esempio pratico:
Tizio  vuol  vendere  il  proprio  appartamento  di  110  mq  al  prezzo  di  250.000  euro.  Si  reca all’Agenzia  Immobiliare  senza  affidarsi  a  nessun  professionista  e,  dopo  sei  mesi  e  20  visite all’immobile, riesce a trovare un acquirente. L’acquirente, avvalendosi di un tecnico specializzato, rileva  che  è  necessario  eseguire  una  sanatoria  edilizia  perchè  vi  sono  difformità    rispetto  al progetto allegato  agli atti depositati al Comune. Tizio a questo punto si ritrova ad affrontare una spesa non prevista e, rischiando anche di fare “saltare l’affare” cerca in ogni modo di ricontrattare il  prezzo  dell’immobile.  Inoltre  per  ottenere  la  Concessione  a  Sanatoria,  da  parte  del  Comune, devono  passare  mesi.  Durante  le  operazioni,  il  tecnico  che  Tizio  ha  dovuto  necessariamente incaricare  per  l’espletamento  della  pratica,  rileva  che  l’appartamento  in  vendita  poteva  essere tranquillamente  suddiviso  in  due  unità  abitative,  e  che  avrebbe  potuto  ricavare  almeno  30.000 euro in più di quanto invece aveva pattuito ed in tempi assai più brevi.
 
Il Tecnico della parte acquirente
 
E’  bene  incaricare  un  tecnico  specializzato  quando  trovate  un  immobile  di  vostro  gradimento.
Chiedete  consiglio  a  lui  per  ogni  cosa  che  vi  viene  proposta  e  non  abbiate  paura  a  metterlo  a conoscenza anche della vostra situazione economica. A volte si possono trovare soluzioni anche ai casi  più  complicati.  Chiedete  consigli  anche  sugli  interventi  edilizi  che  possono  essere  realizzati sull’immobile, potranno sempre servirvi in futuro.  
 

Compravendita immobiliare. Consulenza e assistenza fino al rogito.

Attività professionale di partecipazione alla Mediazione, con assistenza e consulenza alle compravendite immobiliari, con stesura contratti preliminari e proposte d'acquisto, espletata su incarico e nell'interesse di una sola delle parti oggetto del negozio giuridico. La documentazione da sottoporre a controllo in via esemplificativa sarà:  1) Atto di provenienza (istrumento – scrittura privata) e scheda di trascrizione 2) Dati anagrafici delle parti con indicazione del domicilio attuale 3) Per le società: visura camerale aggiornata e, se necessario, delibera dell’organo competente (Assemblea o Consiglio di amministrazione) che autorizza l’operazione (N.B.: i verbali devono essere esibiti dal relativo libro originale e consegnati in copia autentica) 4) Estratto per riassunto dell’atto di matrimonio con annotazione o certificato di stato libero 5) Certificato e/o licenze di agibilità/abitabilità     6) Eventuali condoni, sanatorie, pratiche edilizie in corso, e relative ricevute 7) Eventuali denuncie di successioni se si tratta d’immobili ereditati e pubblicazioni di eventuali testamenti 8) In caso d’immobile venduto occupato, occorre fornire il relativo contratto di locazione/affitto e tutte le eventuali altre forme di contratto in essere 9) Atto di mutuo e scheda d’iscrizione (se c’è un finanziamento in corso o finito da meno di 20 anni ricevuta bancaria di estinzione ipoteca) 10) Planimetria catastale aggiornata (compreso box) e pertinenze 11) Visura catastale aggiornata + video mappa (estratto di mappa) 12) Preventivo o consuntivo condominiale (se c’è condominio) e ultime rate pagate (dettaglio spese) e “dichiarazione amministratore d’insussistenza debiti pregressi e lavori in corso” 13) Regolamento condominiale ed eventuali delibere in corso di approvazione e/o già approvate in sede assembleare 14) Certificazioni legge 46/90 (elettrico, idrico, termico, televisivo ecc… – ora D.M. 37/08) 15) Attestato Certificazione Energetica (ACE) 16) Documenti personali dei proprietari (carta d’identità e codice fiscale in corso di validità) 17) Eventuali procure a vendere, meglio se notarili 18) Eventuali deleghe all’agente immobiliare per recuperare i documenti mancanti presso il catasto fabbricati/terreni competente 19) Titolo abilitativo (Autorizzazione edilizia, Licenza di costruzione, DIA, Permesso di costruire.) 20) Fine lavori in caso di nuove costruzioni 21) Certificato di destinazione urbanistica aggiornato per i terreni (N.B.: per riscatti superficie) 22) Fidejussione postuma decennale in caso di costruzioni nuove 23) Indicazioni delle modalità di pagamento del corrispettivo: occorre consegnare al Notaio l’elenco scritto dei mezzi di pagamento con i relativi estremi (assegni o bonifici) 24) Indicazione della data di consegna dell’immobile 25) Segnalare la richiesta di agevolazioni fiscali (prima casa, imprenditoria agricola ecc.) 26) In caso di beni strumentali (uffici, negozi ecc) verificare prima la tassazione 27) Verifiche su ipoteche, servitù, sospesi amministrativi 28) Archivio edilizio comunale presso ufficio tecnico e controlli igienico-sanitari 29) Verifiche urbanistiche Ispezioni. Nei primi giorni va fatta l’ispezione ipotecaria dell’immobile che interessa, fatta nominalmente sui venditori. Meglio se l’ispezione è fatta sul ventennio. L’ispezione va rifatta in occasione del primo preliminare (proposta accettata con presa visione). Infine, penserà il notaio di parte acquirente a fare una terza ispezione prima dell’atto definitivo di compravendita.

Definizioni.

A corpo (vendita) - Vendita effettuata prescindendo dalle effettive misure dell'immobile. (Codice civile Art. 1538) - Vendita a corpo - Nei casi in cui il prezzo è determinato in relazione al corpo dell'immobile e non alla sua misura, sebbene questa sia stata indicata, non si fa luogo a diminuzione o a supplemento di prezzo, salvo che la misura reale sia inferiore o superiore di un ventesimo rispetto a quella indicata nel contratto. Nel caso in cui dovrebbe pagarsi un supplemento di prezzo, il compratore ha la scelta di recedere dal contratto o di corrispondere il supplemento.

 A misura (vendita) - Vendita immobiliare effettuata sulla base delle misure. Agibilità (ex abitabilità) Attesta la sicurezza, l'igienicità, la salubrità, il risparmio energetico dell'edificio e degli impianti.